In vetrina

 

User comments

Icona quadripartita, sezione icone,  n. 128

Presentiamo, questo mese, un’icona quadripartita raffigurante la Madre di Dio di Kazan, san Nicola, san Michele Arcangelo e san Giorgio. Al centro, inscritta tra le quattro scene, è presentata la Crocifissione di Cristo. Ma, qual’ è l’origine di queste icone quadripartite o pentapartite così diffuse sul mercato antiquario?

Cominciamo col dire che questo genere di icone nasce per soddisfare le esigenze religiose dei ceti meno abbienti che non volevano rinunciare alle loro immagini devote. Così, anziché possedere più icone, si facevano dipingere i loro soggetti più venerati su un’unica tavola.

La scelta dei temi in queste icone è sempre di grande richiamo religioso e presenta i Santi, le Madonne ed il Cristo in modo efficace e diretto colti nella loro essenza e facilmente riconoscibili da un Credo popolare a volte intriso di superstizione; essi offrono protezione negli aspetti più importanti della difficile vita contadina e di provincia.

Nella religiosità popolare san Nicola protegge,infatti, da ogni male ed in particolare, i viaggiatori ed i bambini. Anche san Michele e San Giorgio combattenti sono un simbolo della vittoria sul male in senso universale. La Madre di Dio di Kazan, invece, tra le altre cose, protegge dal malocchio.

Nella produzione di icone di inizio ottocento, l’opera che presentiamo, si colloca nel filone delle icone tradizionali, in quelle opere, cioè,che perpetuavano i vecchi modelli iconografici e gli stili antichi e che erano molto diffuse nei ceti medio-popolari e contadini.

Al contrario, i ceti composti da mercanti, si indirizzavano più a icone alla moda, dipinte all’occidentale, spesso assimilabili a veri e propri quadri. Le aristocrazie si orientavano, invece, verso icone di gusto più accademico.

Un grande impulso alla produzione di queste icone tradizionali lo diedero i Vecchi Credenti, un movimento religioso nato ai margini della chiesa ufficiale, in opposizione alle riforme del patriarca Nikon nel XVII sec.

Per sfuggire alle persecuzioni da parte dello stato, i Vecchi Credenti erano in continua fuga e formavano comunità nelle regioni più remote dell’impero. In alcuni di questi eremi si formarono vere e proprie scuole di pittura, in altre lo stile rimase più provinciale, anche per la scarsa disponibilità di materiali adatti a confezionare le icone in quelle zone. Nonostante questi problemi molte icone nate in questi ambienti mostrano una fede autentica , una profonda e sincera spiritualità e, perché no, una buona maestria pittorica talvolta molto poetica.

 L’appuntamento a Ponte Milvio  previsto il 7 Febbraio 2016 è stato annullato

 

Chi siamo

Imago Lignea nasce nel 1995 per la vendita e il restauro di antiche icone e sculture lignee.
È il risultato di decenni di collezionismo di icone russe, greche, bizantine e balcaniche, di icone russe metalliche e di antiche sculture lignee.

Imago è la traduzione latina della parola greca “eikon” (είκών=immagine) e, nel nome della Galleria e nel titolo del sito, è stata usata quasi a voler fare da ponte tra l’Occidente e l’Oriente, intesi nel senso della divisione dell’Impero Romano, compiutasi alla fine del IV secolo.
Il perché di Lignea è ovvio, anche se, soprattutto negli ultimi anni, le icone russe metalliche, chiamate anche, non sempre in modo appropriato, “icone da viaggio”, hanno incominciato ad avere il loro giusto apprezzamento.

Chiara Belletti con suo padre Piero ritratti nella loro Galleria tra le icone russe

SEDI

In apertura del sito, in alto a sinistra, si può vedere la nota silhouette della Mole Antonelliana: il luogo fisico della nostra Galleria si trovava infatti a Torino, a pochi passi sia dalla Mole sia da Piazza Vittorio. Ora il negozio è ufficialmente chiuso perché Piero si gode una meritata pensione.

Potete ammirare le nostre opere sul sito in questione, nella sezione icone.

Siamo inoltre presenti con una selezione di opere, sempre diverse, ogni prima domenica del mese allo storico Mercato di Antiquariato di Ponte Milvio o la terza domenica del mese a quello di  Villa Glori  a Roma. Orario 8.30-17.30.  E sempre a  Roma apriremo presto un nuovo studio/punto vendita.

L’appuntamento   previsto a Ponte Milvio il 7 di Febbraio 2016 è stato annullato

LABORATORIO

E’ attivo il laboratorio di restauro di icone e sculture lignee a Roma (zona Cassia – Tomba di Nerone).
Per fissare un appuntamento chiamare il +39  348 791 5105  o scrivere direttamente a:info@imagolignea.it

Per gli affezionati clienti torinesi e non: previo contatto e-mail o telefonico, è ormai collaudata la pratica di spedizione dei pezzi da restaurare a Roma, tramite corriere espresso. Eseguito il lavoro, le opere restaurate saranno rispedite al mittente senza ulteriori costi aggiuntivi.

Le icone da restaurare o da sottoporre alla nostra attenzione possono anche essere consegnate presso il nostro stand a Ponte Milvio o Villa Glori nelle date sempre aggiornate sul nostro sito.

VENDITA, RESTAURO, PERIZIE

Oltre ad occuparci di vendita e restauro delle icone e dei manufatti lignei, eseguiamo valutazioni e perizie di qualità, di valore e di attribuzione di qualsiasi icona in vostro possesso. Questo perchè Chiara, oltre ad essere una valente restauratrice di icone, è anche Perito del Tribunale di Torino e della Camera di Commercio di Roma (ruolo n. 1942).

Chiara Belletti al restauro “in diretta” durante il Mercato Antiquario di Ponte Milvio